Pagine

lunedì 25 luglio 2011

Quando il popolo sconfigge l'economia globale!


Quando il popolo sconfigge l'economia globale!
Bellissimo articolo di Andrea Degl'Innocenti del 13 Luglio 2011, riportato da ilcambiamento.it, e tradotto in audio (con voce robotica) , sulla rivoluzione silenziosa islandese, L'hanno definita una 'rivoluzione silenziosa' quella che ha portato l'Islanda alla riappropriazione dei propri diritti. 
Sconfitti gli interessi economici di Inghilterra ed Olanda e le pressioni dell'intero sistema finanziario internazionale, gli islandesi hanno nazionalizzato le banche e avviato un processo di democrazia diretta e partecipata che ha portato a stilare una nuova Costituzione.



2 commenti:

Anonimo ha detto...

In Corea del Nord sono cinquant'anni che hanno sconfitto l'economia globale.

Tanto di cappello all'esprimento islandese, speriamo funzioni e speriamo che non siano così fessi da pensare di aver sconfitto l'economia globale. Ma sicuramente non lo sono, loro.

silvio1964 ha detto...

Sono d'accordo con te, ma la corea del nord e cuba sono pessimi esempi.
Sconfiggere la schiavitù delle banche, non significa l'isolamento o un regime comunista, che si chiude in se stesso.
Ci sono paesi che battono moneta propria, non hanno debiti,sono ricchi liberi, e vivono nel benessere.
La cina sta comperando oro e debiti, e batte moneta propria! Le banche internazionali possono avere una filiale in Cina solo se hanno oro nella cassaforte, siamo lontani dal preconcetto che la cina sia un paese comunista, è demagogia (attenti al lupo), cmq presto dovremo fare i conti con loro in questa guerra economica!